Antonio De Capoa

Avvocato, 23 novembre 2010

Avv. Antonio De Capoa, incontra gli studenti sul tema "L'avvocato senza frontiere: la consulenza giuridica internazionale.

L'avv. De Capoa ha spiazzato la platea raccontandosi e raccontando la propria esperienza di vita e professionale, intimamente intrecciate, regalando ai presenti molti spunti di riflessione personale e molti stimoli a fare meglio, a crescere, a studiare e a prepararsi come professionisti e come persone per svolgere al meglio il proprio mestiere.

Così ha spaziato dagli inizi della propria carriera, con la pratica forense, nel 1978, anno in cui Il mondo era molto più semplice, meno competitivo, offriva un sistema politico stabile (nonostante i frequenti cambi di governi) e un quadro geopolitico internazionale stabile suddiviso nettamente tra blocco sovietico e blocco americano. E accennando, poi, ad alcuni lavori svolti durante il periodo universitario che gli hanno consentito quella"gavetta" da lui ritenuta necessaria per affrontare il mondo della professione.

Da qui i primi passi in campo internazionale, e il progressivo affermarsi grazie ad una instancabile dedizione al lavoro, al coltivare una cultura personale, al saper ripartire dalle inevitabili sconfitte che la vita offre. Grande passione per il proprio mestiere, massima dedizione al lavoro, propensione allo studio e all'aggiornamento, costante voglia di mettersi in gioco e di sfidare se stessi per arrivare un passo oltre a dove si è arrivati fino a quel momento. E con gli oltre 150 giorni all'anno passati oltre confine anche gli episodi che abbiamo potuto ascoltare sono stati numerosi ed interessanti, quali ad esempio il racconto su come viene vissuta la fede nel mondo musulmano, o sulle usanze cinesi.

Infine spazio alle domande: richiesta di consigli sui master in America o Inghilterra, come sia possibile arrivare a costruire e gestire un team di persone così ampio e il desiderio di un approfondimento sull'affermazione fatta nel corso della serata secondo la quale la Cina "è una polveriera".

Antonio De Capoa ospite nella Residenza Universitaria Torleone a Bologna